Home » News ADR » Parma: Giudice di Pace solleva incostituzionalit√† della Mediazione

Parma: Giudice di Pace solleva incostituzionalità della Mediazione

Parma: Giudice di Pace solleva incostituzionalità della Mediazione - Mondo Mediazione


Subito l'OUA ribadisce la propria posizione quantomeno discutibile



Articolo tratto da
Diritto24, visibile direttamente qui.



Mediaconciliazione: il giudice di Pace di Parma solleva la questione di costituzionalità
Giudice di Pace di Parma - Ordinanza 1° agosto 2011


Giovedì 25 Agosto 2011


Nuovo rinvio alla Corte costituzionale per la mediaconciliazione obbligatoria. Questa volta non è il Tar Lazio a sollevare la questione di legittimità, bensì un giudice di merito. Per il giudice di Pace di Parma, ordinanza 1° agosto 2011, infatti è rilevante e non manifestamente infondata, in relazione agli articoli 24 e 77 della Costituzione, la questione di costituzionalità degli articoli 5 e 16 del Dlgs 28/2010. Il primo perché introduce l’obbligo del previo esperimento di mediazione come condizione di procedibilità della domanda giudiziale. Il secondo laddove dispone che abilitati a costituire organismi di mediazione sono enti pubblici e privati.

Per l’Oua si tratta dell’ennesimo stop alla mediaconciliazione obbligatoria: «Il giudice di Pace, a Parma, in una causa civile di rito ordinario - spiega Maurizio de Tilla - ha rimesso alla Corte suprema la mediaconciliazione per eccesso di delega, per gli elevati costi a carico del cittadino, per la qualità del mediatore e degli enti di mediazione, facendo riferimento agli articoli 24 e 77 della Costituzione nonché alle direttive europee in materia».

«Quanto, appunto, sostenuto dall’Oua in questi mesi - conclude de Tilla - che ricorda che il decreto legislativo è ora all’esame della Corte costituzionale dopo un ricorso presentato dall’avvocatura: questo è l’ennesimo stop a un sistema sbagliato e fallimentare. Ci auguriamo che il nuovo ministro, Nitto Palma, ascolti le ragioni dei cittadini, degli avvocati, nonché della stessa magistratura e intervenga per eliminare questa stortura che danneggia solo il sistema giudiziario italiano».

commenti (0)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione