Home » News ADR » Officina dell'Avvocatura

Officina dell'Avvocatura

Officina dell'Avvocatura - Mondo Mediazione


Al lavoro per avanzare una proposta dettagliata per la partecipazione dei legali allo smaltimento dell'arretrato.



Comunicato Stampa del Consiglio Nazionale Forense, visibile direttamente qui.



FINO A 600MILA SENTENZE L’ANNO SCRITTE DAGLI AVVOCATI E SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI SENZA SOCI DI CAPITALE: MESSA A PUNTO L’AGENDA DELL’OFFICINA DELL’AVVOCATURA


18/11/2011 - Oggi prima riunione presso la sede del Cnf. Tempi serrati per avanzare una proposta dettagliata per la partecipazione dei legali allo smaltimento dell’arretrato. Avviare da subito il confronto con il nuovo ministro della giustizia


Roma. Da 200mila a 600mila sentenze all’anno scritte dagli avvocati. E società tra professionisti senza soci di puro capitale, per garantire l’indipendenza degli avvocati chiamati alla tutela dei diritti dei cittadini.
L’Agenda dell’Officina dell’avvocatura parte da queste due emergenze, per arrivare ad affrontare anche la questione della revisione delle circoscrizioni giudiziarie e misure a favore dei giovani e delle donne avvocato.
Oggi a Roma, per iniziativa del Consiglio nazionale forense, si è tenuta la prima riunione operativa dell’Officina, deliberata nella riunione di Ordini e Associazioni che si è tenuta il 12 novembre scorso presso la camera de deputati. L’obiettivo della riunione era quello di fare un giro di tavolo tra le componenti dell’avvocatura sulle priorità individuate dal Cnf e fissare un calendario di incontri su singoli temi, sui cui impegnare le commissioni di lavoro. Circa l’impegno degli avvocati a contribuire a smaltire l’arretrato civile per restituire efficienza al sistema giustizia, le stime avanzate vanno da un contributo minimo, offerto da 10mila avvocati che potrebbero esaminare i fascicoli e predisporre due sentenza a mese, per un totale di 200mila sentenze all’anno ad un impegno massimo richiesto a 30mila avvocati, che potrebbero arrivare ad evadere 600mila cause all’anno.
Sulle società di capitali previste dalla legge di stabilità la posizione dell’avvocatura è chiara: i soci di capitale, per di più potenzialmente in posizione maggioritaria, sono considerati un gravissimo pericolo per l’autonomia dei professionisti e per la tutela effettiva dei diritti dei clienti/assistiti. Gli avvocati diventerebbero dipendenti dei poteri economici e i cittadini non avrebbero più difensori liberi e indipendenti. “E’ utile che gli avvocati dispongano di forme aggregative di svolgimento della professione oltre all’associazione professionale. Per questo è necessario rivedere la normativa delle Stp, in vigore dal 2008, per renderle appetibile anche dal punto di vista fiscale”, ha riferito Alpa, che ha evidenziato tutte le contraddizioni e le incognite contenute nella legge di stabilità sul punto specifico.


Claudia Morelli
Responsabile Comunicazione e rapporti con i Media

commenti (0)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione