Home » News ADR » Mediazione solo volontaria

Mediazione solo volontaria

Mediazione solo volontaria - Mondo Mediazione

.

La Consulta ascolta gli Avvocati

.

.

.

.

.

Articolo tratto da Il Denaro, visibile direttamente qui.

.

.

.

Mediazione solo volontaria, la Consulta ascolta i legali

di Redazione Il Denaro

.

.

.

Giovedi' 25 Ottobre 2012

.

.

La mediazione civile non è più obbligatoria. La Corte costituzionale, infatti, prende una decisione che recepisce le proteste di larghi settori dell’avvocatura e dichiara l’illegittimità, per eccesso di delega legislativa, delle norme che hanno introdotto la media-conciliazione nelle controversie civili e commerciali, nella parte in cui si prevede il carattere obbligatorio di questo rito. “La Corte costituzionale – si legge in una nota della Consulta – ha dichiarato la illegittimità costituzionale, per eccesso di delega legislativa, del decreto legislativo 4 marzo 2010, numero 28 nella parte in cui ha previsto il carattere obbligatorio della mediazione”.
Si sono rivelate prive di fondamento, dunque, le indiscrezioni rimbalzate martedì sera secondo cui i giudici della Consulta avrebbero ritenuto costituzionale la mediazione obbligatoria e che probabilmente hanno indotto ieri la stessa corte a intervenire con una nota chiarificatrice diffusa con insolita rapidità. In sostanza da oggi, chi voglia proporre una domanda giudiziale e non ha alcuna voglia di tentare una mediazione, potrà procedere direttamente al giudizio.

Tortorano: Peso politico
“Questo risultato – commenta Franco Tortorano, presidente dell’Unione degli Ordini forensi della Campania – è un successo che premia la mobilitazione degli Ordini locali e dell’Organismo unitario dell’avvocatura (Oua). Non va sottovalutato – aggiunge – il peso politico di questa pronunzia. Il legislatore dovrà essere più cauto nel definire norme che mettono in discussione i capisaldi del diritto, come quella, ad esempio che ha tagliato gli uffici giudiziari sul territorio”.
“Si è detto che noi avvocati eravamo contrari alla mediazione – ricorda Ester Perifano, segretario dell’Associazione nazionale forense – , ma non è così. Siamo convinti che un accordo sia sempre preferibile a un lungo contenzioso. Ma questa era una legge mal fatta, contro i cittadini, troppo costosa per poter funzionare. Era inevitabile che la Consulta ne dichiarasse l’incostituzionalità, pur se parziale”.
Il segretario dell’Anf punta il dito anche sul regime tariffario delle mediazioni: “Nel caso di noi avvocati le tariffe sono ormai libere, mentre per gli organi di medizione ci sono parametri ben definiti e onerosi, senza che il cittadino abbia la garanzia del risultato. Ora – conclude – ha prevalso lo stato di diritto: confidiamo che la Consulta avrà lo stesso approccio quando esaminerà molti dei provvedimenti degli ultimi mesi che con la nostra splendida Costituzione hanno ben poco a che fare”.

Monito al legislatore
“La sentenza suona come un monito – afferma Andrea Pisani Massamormile, presidente della Camera civile di Napoli – : quando il legislatore tocca non gli avvocati, ma il diritto costituzionalmente garantito, sbatte contro un muro. Ora attendo di leggere la sentenza per un giudizio più meditato. Una cosa è certa: era un assurdo fare della mediazione, strumento per sua natura volontaristico, un obbligo”.
“L’obbligatorietà della mediazione e i costi alti – ricorda il presidente dell’Oua Maurizio de Tilla – costituivano un meccanismo perverso che, oltre che limitare l’accesso alla giustizia, avviava un processo di privatizzazione di un diritto sancito dalla Costituzione. La media-conciliazione obbligatoria è figlia di diverse forzature nel suo iter di approvazione e dell’assoluta indifferenza ai richiami delle Commissioni parlamentari che chiedevano decise e forti correzioni. Ma è anche figlia di una concezione sbagliata dei sistemi extragiudiziali di risoluzione delle controversie, unica nel panorama europeo, partorita nelle stanze del ministero di Giustizia del precedente Esecutivo, senza la necessaria consultazione con l’avvocatura”.

.

commenti (1)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione