Home » Mediazione Condominiale

Mediazione Condominiale

Mediazione in Condominio

Articolo dell'Avv. Alessandro Gallucci, visibile nella sua completezza qui

 

...torna ad avere particolare importanza una norma di quelle introdotte dalla così detta riforma del condominioil riferimento è all'art. 71-quater delle disposizioni di attuazione del codice civile.

L'articolo 71-quater disp. att. c.c. recita:

Per controversie in materia di condominio, ai sensi dell'articolo 5, comma 1, del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, si intendono quelle derivanti dalla violazione o dall'errata applicazione delle disposizioni del libro III, titolo VII, capo II, del codice e degli articoli da 61 a 72 delle presenti disposizioni per l'attuazione del codice.

La domanda di mediazione deve essere presentata, a pena di inammissibilità, presso un organismo di mediazione ubicato nella circoscrizione del tribunale nella quale il condominio è situato.

Al procedimento è legittimato a partecipare l'amministratore, previa delibera assembleare da assumere con la maggioranza di cui all'articolo 1136, secondo comma, del codice.

Se i termini di comparizione davanti al mediatore non consentono di assumere la delibera di cui al terzo comma, il mediatore dispone, su istanza del condominio, idonea proroga della prima comparizione.

La proposta di mediazione deve essere approvata dall'assemblea con la maggioranza di cui all'articolo 1136, secondo comma, del codice. Se non si raggiunge la predetta maggioranza, la proposta si deve intendere non accettata.

Il mediatore fissa il termine per la proposta di conciliazione di cui all'articolo 11 del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, tenendo conto della necessità per l'amministratore di munirsi della delibera assembleare.


La norma ha il merito di circoscrivere con maggiore chiarezza l'ambito di obbligatorietà del tentativo di mediazione nelle controversie che coinvolgono un condominio, vale a dire a quelle riguardanti le norme contenute negli artt. 1117-1139 c.c. (ciò sta a significare Disposizioni del libro III, titolo VII, capo II, del codice) e quelle di cui agli artt. 61-72 disp. att. c.c.

Restano esclusi dalla obbligatorietà del tentativo di mediazione il ricorso per decreto ingiuntivo (in questi casi la mediazione diviene obbligatoria solamente in caso di opposizione e comunque dopo la decisione sulla sospensione dell'efficacia del decreto, cfr. art. 5 d.lgs. n. 28/2010) e quelli di nomina e revoca dell'amministratore condominiale (in quanto rientranti nell'ambito della volontaria giurisdizione, cfr. art. 5 d.lgs. n. 28/2010).


Materie e modalità di mediazione

Tutte le controversie inerenti i rapporti interni al condominio, nonché quelle riguardanti i rapporti con l'amministratore saranno oggetto di mediazione obbligatoria.

Un condomino vuole impugnare una delibera? Prima di farlo deve esperire il tentativo di mediazione.

I condomini intendono far causa all'amministratore che non ha adempiuto correttamente al suo incarico? Idem.

Se sorge una controversia con la ditta esecutrice di lavori edili, invece, non è obbligatorio il tentativo di mediazione in quanto oggetto del contendere è un contratto di appalto non soggetto alla disciplina di cui al d.lgs n. 28/2010.


Amministratore e mediazione

Nel caso di procedimenti di mediazione, il ruolo dell'amministratore è quello di mero rappresentante della volontà assembleare.

Nessun potere di decidere per conto dei condomini: spetta sempre ai comproprietari decidere se aderire all'incontro e se accettare l'accordo che in quella sede è stato paventato.

E nel caso contrario, ossia quando è l'amministratore a dover promuovere una causa e prima di farlo è necessario rivolgersi ad un organismo di mediazione?

L'articolo in esame non è chiarissimo; leggendo il terzo comma sembrerebbe che per stare davanti al mediatore l'amministratore debba ottenere sempre l'autorizzazione dell'assemblea.

Eppure per promuovere determinate cause, si pensi a quelle riguardanti l'osservanza del regolamento, il mandatario della compagine può agire autonomamente (cfr. artt. 1130-1131 c.c.).


Ed allora?

La soluzione più logica rispetto all'intero impianto normativo sembrerebbe la seguente: l'amministratore può adire autonomamente l'organismo di mediazione nelle materie per le quali ha legittimazione autonoma a stare in giudizio ma per firmare l'accordo di mediazione deve munirsi di specifica autorizzazione assembleare.


L'art. 71-quater disp. att. c.c., infine, fa sì che il mediatore possa conciliare i tempi tecnici di convocazione delle assemblee con quelli di svolgimento del procedimento di mediazione che potrebbero non coincidere.

Notizie sulla Mediazione Condominiale

Notizie sulla Mediazione Condominiale - Mondo Mediazione

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione