Home » News ADR » La Mediazione Civile per risparmiare tempo e denaro

La Mediazione Civile per risparmiare tempo e denaro

La Mediazione Civile per risparmiare tempo e denaro - Mondo Mediazione

.

Riassunto dei vantaggi offerti dalla mediazione

.

.

.

.

.

Articolo tratto da CronacaMilano, visibile direttamente qui.

.

.

.

CAUSE CIVILI, LA MEDIAZIONE CIVILE PER RISPARMIARE TEMPO E DENARO. TUTTI I DETTAGLI

.

Una causa civile “tradizionale” dura in media 6 anni e costa migliaia di euro: il Dottor Tommaso Bolsi ha spiegato a CronacaMilano come tutto ciò sia facilmente evitabile. Di seguito i dettagli e i recapiti per parlare con gli esperti

.

.

.

Mercoledì 12 Dicembre 2012

Redazione

.

.

Quante volte ci siamo trovati, nostro malgrado, coinvolti in sgradevoli liti condominiali? Inoltre, dopo un incidente stradale anche grave, a chi non è mai capitato di non riuscire ad ottenere il giusto risarcimento dalla propria assicurazione? E allora via con avvocati, tribunali, atti di citazione…. il tutto con perdita di tempo, e di danaro, a non finire. Statistiche recenti, infatti, attestano che una causa portata davanti al giudice ordinario ha una durata media di ben 6 anni, con un corollario di spese difficilmente sostenibili. Per evitare tutto ciò, il Dott. Tommaso Bolsi si è reso disponibile a spiegare, a tutti i lettori di CronacaMilano, l’esistenza dell’istituto della “mediazione civile” e di tutti i vantaggi che questo comporta, sia in termini di risparmio di danaro, sia di tempistiche per ottenere la risoluzione del problema. Nel dettaglio:

 

UNA NASCITA “RIVOLUZIONARIA”: LA MEDIAZIONE CIVILE – “Per arginare l’esborso economico e la perdita di tempo dei cittadini, nonché per liberare i tribunali da migliaia di cause che ingolfano il sistema giudiziario italiano – ci spiega il Dott. Tommaso Bolsi, brillante professionista milanese, specializzato nel settore giuridico della mediazione, – con il D.lgs 28/2010 è stato creato l’istituto della mediazione civile.

- “Già ben operante e abitualmente utilizzato in diversi paesi europei come Francia e Regno Unito – prosegue l’esperto, – è un metodo di risoluzione delle controversie non più ‘L’ un contro l’ altro armati’, ma insieme, per trovare un punto di incontro che soddisfi entrambe le parti. Insieme, appunto, ma con l’aiuto del mediatore.

 

LA NUOVA FIGURA DEL “MEDIATORE CIVILE” – “Nuova figura professionale, il mediatore si pone come terzo imparziale – sottolinea il Dott. Bolsi, – punto di riferimento per le parti, ausilio fondamentale per la conciliazione. Egli, infatti, gestisce l’incontro tra i contendenti ponendoli sullo stesso piano e guidandoli quindi verso un punto di incontro.

- “Diversamente da un giudice – specifica ancora il professionista, – non emette una sentenza, ma si limita a prendere atto ufficialmente dell’accordo sorto tra le parti, nato esclusivamente dalla loro volontà.

 

I TEMPI PER LA RISOLUZIONE DEI PROBLEMI: SOLTANTO 4 MESI – “La vera rivoluzione della mediazione – entra ulteriormente nel dettaglio il Dott. Bolsi – attiene alle tempistiche e ai costi. Difatti, l’intero procedimento ha una durata massima, fissata per Legge, di soli quattro mesi.

 

LA GRANDE RIDUZIONE DEI COSTI – “Inoltre – spiega ancora l’esperto, – i costi di questo procedimento sono decisamente irrisori rispetto a quelli di una normale causa giuridica.

- “In questo senso – specifica infatti il Dott. Bolsi, – ogni organismo di mediazione ha una tabella consultabile da tutti, divisa in scaglioni a seconda del valore della controversia.

- “Le spese burocratiche di inizio procedimento – aggiunge, – sono inferiori a 50 euro: davvero poca cosa se pensiamo che tutta la pratica viene gestita dalla segreteria dell’organismo a cui la parte si rivolge.

- “L’intera mediazione – riferisce inoltre il professionista milanese, – ha costi che si aggirano intorno a poche centinaia di euro.

 

IL PLAUSO DEL MONDO GIURIDICO E GLI INCENTIVI PER GLI UTENTI – “Il Ministro della Giustizia e il Consiglio Superiore della Magistratura hanno plaudito l’iniziativa, promettendo anche incentivi per agevolare gli utenti – spiega ancora l’esperto.

- “Una recente pronuncia della Corte Costituzionale potrebbe variare alcuni aspetti della mediazione ma, ad oggi – conclude il Dott. Tommaso Bolsi, – questo rivoluzionario istituto è comunque ben operante: basta rivolgersi ad una delle numerose società di mediazione, per veder risolto il proprio problema”

.

commenti (0)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione