Home » News ADR » La Mediazione Civile e Commerciale

La Mediazione Civile e Commerciale

La Mediazione Civile e Commerciale - Mondo Mediazione


Uno dei provvedimenti presi dal Legislatore per ridurre costi e tempi dell'apparato giustizia




Articolo tratto da CorriereInformazione, visibile direttamente qui.



La mediazione civile e commerciale: uno dei tanti provvedimenti che il legislatore ha attuato per ridurre costi e tempi dell'apparato giustizia.


Mercoledì 14 Dicembre 2011


Abbiamo, già, ampiamente esposto i caratteri peculiari della mediazione civile, quale strumento extragiudiziale per la risoluzione delle controversie, e l'obiettivo che, il legislatore, si è posto attraverso il ricorso al D. .lgs 4 marzo 2010, n. 28 (Gazzetta Ufficiale 5 marzo 2010, n. 53) attuativo della riforma del processo civile (Legge 69/2009).
 

1)Deflazionare il sistema giudiziario italiano. Riduzione del numero dei processi ordinari che, annualmente, vengono incardinati sul territorio: 4.3 mil. nel 2007, 4.6 mil. nel 2008, 4.7 mil. nel 2009, con trend crescente.

2) Smaltimento dei processi ordinari pendenti presso i Tribunali: c.ca 5.5 mil ad aprile 2011.

3)Riduzione costi , per lo Stato e, quindi, per la collettività.

4) Tempi più veloci del giudizio ordinario e risposta in tempi utili al cittadino ed alle imprese.

5) Riduzione costi per il privato cittadino. Il tempo giudiziario è strettamente correlato con i costi diretti che, il cittadino e l' impresa, devono sostenere per avere giustizia.
La mediazione civile ha prodotto, ad oggi, un risparmio pari ad 80 mil/€.. Più ampiamente, si deve parlare di una complessiva e complessa riforma a 360° della giustizia.
 
Si pensi, ad esempio, all'innalzamento delle barriere di ingresso per l'accesso al sistema ordinario della giustizia, vedi contributo unificato ed altri provvedimenti volti ad aumentare i costi per le parti e, successivamente, condannare le stesse a rilevanti spese di giudizio nell'ipotesi di futili motivazioni, buone solo per prendere tempo. Un'altro degli aspetti lo ha richiamato il ministro: Paola Severino, in una recente conferenza stampa. "Stiamo lavorando alacremente alla riduzione delle circoscrizioni giudiziarie, alla quale procederemo con gradualità a partire dai giudici di pace e non ci faremo tirare la giacchetta da nessuno. Sarà uno snellimento rilevante e il provvedimento attuativo potrebbe essere uno di quelli di più vicina trattazione in Consiglio dei ministri. Cercheremo la soluzione più oggettiva possibile che tenga conto di esigenze non di carattere localistico".

Si possono fare tutte le considerazioni che si vogliono ma, un giudizio ordinario, arriva a sentenza: ( primo grado) dopo 845 gg; se percorre il secondo grado: altri 1163 gg; Corte Suprema ( 1195 gg), per complessivi 9 anni. I costi per il cliente: salati ed indeterminabili a priori. La produttività dei nostri magistrati è tra le più alte d'Europa, ma insufficiente a superare le sopravvenienze.

In questo stato di cose come possiamo, oggi, sostenere che è giusto un tempo di attesa di 9 anni, quando riteniamo obsoleto e tardivo l'invio di un fax. Legittimo che ognuno cerchi di tutelare le proprie posizioni corporative, ma non si venga a sostenere che è a tutela dei diritti costituzionali del cittadino. Ma quali diritti dopo 9 anni. E le imprese? Investire sul territorio con tali tempi per la certezza di un diritto. Ma non è sostenibile.

Piuttosto, si tenda a qualificare la propria figura. Un avvocato mi ha risposto che preferisce transare direttamente con il collega di controparte e non ricorrere alla mediazione. E il risparmio fiscale? Mi ha risposto: e che è un problema mio. Ribadivo che l'accordo diretto con controparte non ha alcuna valenza, e, se non viene rispettato, è necessario il ricorso al giudizio ordinario; diversamente, il verbale conciliativo è titolo esecutivo. Si mi ha detto, ma se vengo in mediazione guadagno 50 €, se faccio un decreto ingiuntivo ne chiedo 1500,00.

Non faccio polemiche.

Conciliaresolution, conciliare è la soluzione.

commenti (0)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione