Home » News ADR » Irpinia: un anno di Mediazione

Irpinia: un anno di Mediazione

Irpinia: un anno di Mediazione - Mondo Mediazione

L'istituto non decolla, ma potrebbe cambiare tutto

Articolo tratto da Ottopagine, visibile direttamente qui.

Un anno di Mediazione, così è andata in Irpinia

Martedì 21 Febbraio 2012

Ottopagine.net

Avellino- Il tentativo di conciliazione obbligatoria compie un anno. E il nuovo istituto, nato per tentare di ridurre in modo consistente il peso di centinaia di migliaia di processi sul ruolo già saturo della giustizia civile, non ha ottenuto, anche in Irpinia, i risultati che molti si aspettavano.

Dal venti marzo si parte con la fase due del progetto, quella che prevede l'estensione delle competenze dei "mediatori" anche alle controversie sulle Rc auto e le liti condominiali. In un sol colpo potrebbero sparire dai tribunali della penisola ben 400mila liti. E questo ampliamento delle competenze potrebbe portare ossigeno alla mediazione civile, partita con grandi ambizioni, ma in questo momento in oggettiva difficoltà. In Irpinia sono decine di migliaia le cause che potrebbero risolversi con una conciliazione tra le parti.

Il tentativo di conciliazione è obbligatorio, ma non vincolante. In Irpinia - ma i dati non sono definitivi - sono state un migliaio le "mediazioni", ma solo poche centinaia si sono concluse con una conciliazione. Nei casi risolti con successo sono bastati in media solo 57 giorni per trovare l'accordo.

L'Irpinia è in linea con i dati nazionali. E si registra un segnale positivo dai tentativi di conciliazione che hanno visto le due parti presentarsi in udienza: sono andate a buon fine nel cinquanta per cento dei casi. Molto spesso - quasi sempre - le parti in causa si presentano accompagnate da avvocati (cosa non obbligatoria), per meglio tutelare i propri interessi. Ma anche perchè, prima che tra le competenze venissero assegnate le liti condominiali e le controversie sulle Rc auto, le mediazioni riguardano questioni di una certa delicatezza, come le successioni ereditarie (per le quali poteva bastare anche la presenza di un notaio), e le colpe mediche. Questioni - oltretutto - ad "alta litigiosità"e per le quali la mediazione è quasi sempre impossibile.

commenti (0)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione