Home » News ADR » Indagine sugli Organismi di Mediazione

Indagine sugli Organismi di Mediazione

Indagine sugli Organismi di Mediazione - Mondo Mediazione


Una interessante indagine che, riteniamo, possa suscitare considerazioni importanti.



Articolo tratto da Mediazione Gestmed, visibile direttamente qui.


Indagine sugli Organismi di Mediazione Civile


Mercoledì 28 Settembre 2011


Abbiamo telefonato ai 467 organismi di mediazione civile e commerciale presenti nel Registro degli Organismi di mediazione del D.M. della Gazzetta Ufficiale alla data del 23 settembre.

Le telefonate sono state effettuate con questi orari 09.00-13.00//15.00-19.00. Se l’Organismo non rispondeva, abbiamo richiamato successivamente altre due volte.

Siamo stati messi in attesa molte volte, e a lungo (soprattutto dalle Camere di Commercio) e l’intervistatore ha aspettato un massimo di cinque minuti.

L’intervistatore - con una laurea in legge - con solo qualche nozione di mediazione - non conosceva nulla degli Organismi. Si è presentato con nomi diversi (locali) a seconda della regione o della zona.

Abbiamo domandato se avremmo potuto rivolgerci all’Organismo per una revisione “solo formale” di una istanza di mediazione in campo assicurativo e, quindi, materia obbligatoria. Il caso era una polizza infortuni con indennizzo di € 50.000.

Alla risposta negativa, con “malizia” abbiamo chiesto se ci avessero potuto indicare un avvocato, nonostante sia sicuramente deontologicamente scorretto. La risposta è stata affermativa e l’operatore dell’Organismo intervistato ha quasi sempre rimandato a un incontro la presentazione dell’avvocato.

Abbiamo, poi, chiesto in quanti giorni sarebbe stato fissato il primo incontro e il costo iniziale (diritto fisso più metà delle competenze).

Al di là dei numeri, che già rappresentano statisticamente la realtà attuale dei 467 Organismi di mediazione civile e commerciale, si possono fare utili considerazioni.

Segue un articolo dell’intervistatrice e le prime statistiche.


Indagine sui 467 Organismi di Mediazione civile e commerciale

L'indagine ha avuto ad oggetto le modalità operative dei 468 Organismi di Mediazione Civile e Commerciale italiani al fine di verificare, a distanza di 19 mesi dall’emanazione del D.Lgs. 28/2010 e a sei mesi dall'obbligatorietà su otto materie, quanti Organismi siano effettivamente operativi e se si attengano o meno al dettato legislativo ed al Codice deontologico.

I parametri di valutazione sono stati infatti, la reperibilità (massimo tre tentativi di telefonata in orari diversi e in giornata, nella sede indicata nel Registro), la disponibilità a effettuare una revisione finale formale dell’istanza di mediazione, prima del deposito, l’imparzialità dell’Organismo, il rispetto dei 15 giorni di tempo entro cui fissare il primo incontro, i costi della mediazione per l’utente, l’accoglienza e la preparazione del personale.

Con un pizzico di malizia e fingendo di essere ignari delle regole deontologiche si sono poste domande-tranello: “Potete fornirmi il nominativo di un avvocato che mi assista durante la mediazione”? Alcuni, di fronte a tale domanda hanno fatto una gran confusione, iniziando così a parlare della figura del mediatore. Altri, con grande entusiasmo hanno risposto: “Certamente! I nostri mediatori sono anche avvocati e non sarà un problema consigliarvene uno”, ignorando del tutto il principio dell’imparzialità, che dovrebbe dominare sovrano nell’Organismo di Mediazione.

Purtroppo, non è mancato chi, consapevole delle regole, con voce suadente ci ha invitati a presentarci presso l’Organismo per parlare di “certe cose” di persona.

Da un’analisi a caldo, è emerso che gli Organismi con personale meno competente e di difficile reperibilità sono quelli delle Camere di Commercio. Dal Nord al Sud Italia, il personale addetto all'accoglienza non sapeva neanche cosa fosse la “Mediazione civile e commerciale”. Le risposte sono state: “Cos’è la Mediazione?”, “Mediazione? In che senso? Forse intende la Conciliazione?” e di fronte alla perplessità dell’intervistatrice che chiedeva se vi fosse un Organismo di Mediazione all’interno di una Camera di Commercio la risposta è stata “Certo, noi siamo un organo di reazione”. Il nome della Camera di Commercio, evidentemente, rimarrà segreto.

Queste sono state le risposte di quei pochi Organismi di Mediazione delle Camere di Commercio che si è riusciti a contattare, perché molti altri, come quello di Pavia, dopo una lunga attesa ed aver parlato con due segretarie di uffici diversi, quando finalmente sembrava di essere in contatto con chi si occupava di Mediazione, in realtà era l’ufficio spedizioni!

Un dato rilevante è la presenza di molti numeri di telefono inesistenti o del tutto errati in quanto corrispondenti al numero telefonico di un ’Ordine dei medici, di uno studio di un notaio o di agenzie pubblicitarie!!!

Molta confusione viene fatta tra materie obbligatorie e materie facoltative. Alcuni pretendono che l’utente sia già informato in proposito e alla domanda relativa al costo della mediazione hanno chiesto all’intervistatrice (finto utente) se la materia fosse obbligatoria o facoltativa (e si parlava di assicurazione). Non è mancato, chi, con prepotenza ed arroganza, di fronte alla risposta dell’intervistatrice-utente “non so se sia obbligatoria o facoltativa” ha risposto “beh, questo deve dirmelo lei!”. La maggior parte degli Organismi, hanno propri siti internet, in cui riportano le tabelle delle spese di mediazione e fanno affidamento su di esse per sgravarsi dal compito di controllare i semplici tariffari. Ugualmente per la modulistica relativa all’istanza di mediazione. Alcuni negano persino un controllo formale dell’istanza, affermando la semplicità dei loro moduli. Persone anziane o con un livello di istruzione non elevata, potrebbero così ritrovarsi sole e costrette a farsi assistere da un avvocato nonostante la mediazione si proponga di essere un Istituto più vicino alle parti, consentendo di raggiungere un accordo grazie alla figura del mediatore, anche senza dover sostenere le spese relative alla parcella dell’avvocato, soprattutto in casi semplici o dove la parte, come nel nostro caso, ha una minima preparazione giuridica (laurea in legge).

Nonostante l’istituto della Mediazione dia questa possibilità, alcuni Organismi presso gli Ordini degli Avvocati prevedono, nel loro regolamento, l’obbligatorietà dell’assistenza legale; altri Organismi di fronte alla richiesta di assistenza legale durante la mediazione e di un nominativo, hanno confermato dapprima l’obbligatorietà della stessa, per poi correggersi affermando “è facoltativo ma auspicabile” e questo è condiviso da noi.

Singolare è stata l’intervista a un Organismo di Mediazione di Napoli. Il responsabile, un avvocato, ha cercato di dissuadere l’intervistatrice-utente dal ricorrere alla mediazione in quanto avrebbe potuto provare a risolvere la controversia diversamente e, cioè, con un avvocato.

Per quanto riguarda il rispetto dei 15 giorni di tempo entro cui fissare il primo incontro, tale termine è stato definito ordinatorio da alcuni Organismi; da altri è stato interpretato come termine entro il quale fissare la data dell’incontro e non come ultima data utile per svolgere l’incontro. Il dato generale è positivo.

Le prime persone con cui entra in contatto l’utente sono semplici segretarie o centralisti, che spesso chiedono di telefonare in un altro momento per trovare il responsabile o l’avvocato. In Calabria, l’addetto all’accoglienza di un Organismo di Conciliazione–Mediazione presso un Tribunale, dopo aver chiesto di telefonare in un altro momento per parlare con il responsabile, ha tentato in ogni caso di aiutare l’intervistatrice-utente e rispondere alle domande. Alla domanda relativa alla data del primo incontro ha risposto di non sapere il termine entro il quale potesse essere fissata la data del primo incontro in quanto “ognuno ha le cose sue”, intendendo con queste parole che la data dipendeva dagli impegni dei mediatori. La mancanza di professionalità è sempre meglio della scortesia e della maleducazione con cui rispondono alcuni responsabili di Organismo.

Concludo con una nota positiva e di speranza: la Mediazione è un’ istituto ancora nuovo in Italia e presto saprà imporre sulla scena giuridica e culturale del paese un impulso di rinnovamento, di efficienza nella gestione delle controversie e di radicale trasformazione del sistema giustizia, anche nei suoi connotati filosofici e sociologici, per l'impegno di tanti operatori come è emerso dalla nostra indagine. La risoluzione del 13/09/2011 del Parlamento europeo, che bacchetta l'Avvocatura e conferma il pregio dell'operato legislativo è un altro segno che si sta ben lavorando per risolvere i problemi della Giustizia.



Risposte al telefono
risposta dopo 1 tentativo: 126 (26,9%)
risposta dopo 2 tentativi: 31 (6,6%)
risposta dopo 3 tentativi: 6 (1,3%)
nessuna risposta: 205 (43,9%)
numero non attivo: 7 (1,5%)
numero errato: 11 (2,3%)
senza numero: 82 (17,5%)

Revisione finale
si: 133 (28,4%)
no: 14 (3%)
ni: 1 (0,2%)
non so: 14 (3%)
nessuna risposta: 306 (65,4%)

Difensore offerto su Ns. richiesta
si: 76 (16,2%)
no: 62 (13,2%)
ni: 6 (1,3%)
non so: 19 (4,1%)
nessuna risposta: 305 (65,2%)


Costo difensore
Gratuito: 4
non so: 54
no: 33
€500: 1
10% dell’importo liquidato dall’Assicurazione: 1

Giorni prima udienza
Media: 21 giorni

Prima spesa
Media: €526,62



Ecco il calendario degli altri commenti che saranno pubblicati:

giovedì 29/09 Nord

venerdì 30/09 Isole

lunedì 3/10 Centro

martedì 4/10 Sud

mercoledì 5/10 Ordini Professionali

giovedì 6/10 Camere di Commercio

venerdìì 7/10 Piemonte, Liguria e Val d'Aosta

lunedì 10/10 Lombardia

martedì 11/10 Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli

mercoledì 12/10 Emilia Romagna, Toscana e Sardegna

giovedì 13/10 Marche, Umbria, Abruzzo, Molise e Basilicata

venerdì 14/10 Lazio

lunedì 17/10 Campania

martedì 18/10 Puglia

mercoledì 19/10 Calabria e Sicilia

giovedì 20/10 Torino

venerdì 21/10 Milano

lunedì 24/10 Roma

martedì 25/10 Napoli

mercoledì 26/10 Bari

giovedì 27/10 Caserta, Avellino, Salerno e Benevento


commenti (2)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione