Home » News ADR » Pubblicazioni » Il poliziotto mediatore

Il poliziotto mediatore

Il poliziotto mediatore - Mondo Mediazione


Da una lettura estiva, una riflessione interessante di L. Bruzzone



Mercoledì 24 Agosto 2011
Dottor Leopoldo Bruzzone





IL POLIZIOTTO MEDIATORE


Tra le diverse letture estive di quest’anno ho avuto la fortuna di leggere un libro davvero interessante e che, ad un certo punto della narrazione, mi ha riportato alla mente l’importanza di saper mediare sempre, non solo professionalmente. Il libro in questione si intitola Poliziotto senza pistola ed è l’autobiografia scritta dal Dott. Achille Serra il quale ha ricoperto i più alti incarichi all’interno della polizia di Stato. La cosa che più di tutte mi ha colpito è stato il suo metodo improntato sempre al dialogo e all’ascolto anche in momenti tragici quali le indagini fatte per l’attentato di piazza Fontana e per fermare il bandito Vallanzasca. Il titolo del libro deriva per l’appunto dal soprannome datogli posto che in tutti i suoi anni di servizio non ha mai sparato un colpo di pistola.
In questo articolo propongo l’esperienza vissuta da Achille Serra nel 2002.

Quando mi venne detto, come prefetto di Firenze, che il Comune si candidava a ospitare il Social Forum nel settembre del 2002 lì per lì mi vennero i brividi. L’anno precedente la città era stata distrutta, Carlo Giuliani era morto e le presunte violenze nella caserma Diaz occupavano le prime pagine di tutti i quotidiani. L’annuncio del sindaco di Firenze scatenò una serie di polemiche che si amplificarono mano a mano che ci si avvicinava a quell’appuntamento…l’obiettivo principale era quello di ottenere la riconciliazione fra le forze dell’ordine, le istituzioni e i manifestanti. La prima grande difficoltà, dovuta soprattutto alle tante anime del Social Forum, fu la diffidenza dei no global nei nostri confronti. Mi sono armato di santa pazienza, nonostante i toni salissero esponenzialmente di giorno in giorno, attraverso gli organi di informazione. Il centrodestra fiorentino gridava al disastro, alla fine di Firenze, che prevedeva la devastazione del patrimonio artistico di una delle città più importanti del mondo, mentre dall’altra parte si cercava di convincere che tutto sarebbe andato per il meglio. In mezzo c’eravamo noi: io, il Questore e i vertici delle varie forze dell’ordine. Nei mesi successivi, fino a settembre, ci siamo confrontati con i responsabili di ciascuna componente, sia della società civile, sia dei no global…le richieste inderogabili dei manifestanti, erano di non vedere le forze dell’ordine lungo le strade e che non ci fossero “zone rosse” come a Genova. Ho assicurato che le loro condizioni sarebbero state accolte solo se in cambio avessero garantito il tranquillo svolgimento della manifestazione. Erano loro che avrebbero dovuto vigilare sul grande corteo…e sono convinto che i no global abbiano apprezzato il fatto di avere a che fare con una persona che manteneva le promesse, che dimostrava loro che il dialogo era alla pari….Quella giornata rimarrà stampata nella mia memoria per tutta la vita. I manifestanti insieme ai fiorentini, che sfilavano lungo le strade della città in pace e senza alcun incidente. Gli unici interventi furono per soccorrere chi era stato colto da malore. Quel giorno ho assistito a scene che mi hanno commosso: chi avrebbe mai pensato di vedere i no global offrire da bere ai poliziotti?

A mio modo di vedere questo racconto è paradigmatico. Se si analizza il brano possono rinvenirsi tutti gli elementi di una mediazione ben riuscita:
  1. Un conflitto: tra forze dell’ordine, no global, istituzioni e cittadini
  2. Un mediatore: Achille Serra Prefetto di Firenze
  3. Una mediazione: incontri tra le diverse parti
  4. Delle richieste: no polizia lungo il percorso della manifestazione e no “zone rosse” da parte dei no global e no incidenti da parte delle forze dell’ordine.
  5. Una conciliazione: aderente alle richieste di cui al punto 4
  6. Un risultato: una manifestazione ad alto rischio di disordini che sfocia in una marcia pacifica per la felicità di entrambe le parti.
     

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione