Home » News ADR » Il Ministro Alfano lascia

Il Ministro Alfano lascia

Il Ministro Alfano lascia - Mondo Mediazione


Nitto Palma il nuovo Guardasigilli



Articolo tratto da Il Sole 24 Ore, visibile direttamente
qui.



Alfano lascia la Giustizia: Nitto Palma è il nuovo guardasigilli. Bernini alle Politiche comunitarie


Mercoledì 27 Luglio 2011
Celestina Dominelli




Un fugace incontro a Palazzo Grazioli con il principale candidato alla successione di Angelino Alfano e la lettera con cui quest'ultimo dà l'addio al dicastero di via Arenula. Poi Silvio Berlusconi è salito al Colle da Giorgio Napolitano con in tasca il nome di Francesco Nitto Palma, il nuovo ministro della Giustizia. Il presidente della Repubblica ha quindi firmato il decreto con il quale, su proposta del presidente del Consiglio dei Ministri, sono state accettate le dimissioni di Alfano ed è stato nominato al suo posto il senatore Nitto Palma. Alle Politiche comunitarie arriva invece la deputata pidiellina Anna Maria Bernini.

Berlusconi ai governatori del Pdl: vado avanti, ora si riparte
Nelle intenzioni del Cavaliere, Nitto Palma dovrà ridare smalto all'azione del governo. Berlusconi ne è convinto e, ai governatori pidiellini incontrati nel primo pomeriggio, ha ribadito la volontà di portare a termine la legislatura. «Vado avanti, ora si riparte. Con il nuovo ministro della Giustizia, possiamo rilanciare l'azione di governo e grazie ad Alfano quella del partito». Il premier non ha fatto nomi davanti ai governatori "amici", ma al capo dello Stato ha sottoposto la candidatura dell'ex magistrato.

Nel pomeriggio la lettera di dimissioni di Alfano
Prima del colloquio al Colle Alfano aveva intanto rassegnato le sue dimissioni con una missiva inviata al premier. «Carissimo presidente, a ragione dell'incarico di segretario politico del Pdl, di recente conferitomi, rassegno le mie dimissioni dalla carica di ministro della Giustizia, in considerazione della specificità e dei compiti che allo stesso sono riconosciuti dalla nostra Carta Costituzionale e che mi fanno ritenere tale funzione di Governo incompatibile con un così rilevante incarico politico».



commenti (0)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione