Home » News ADR » Il Ministero di Giustizia rende nota la rilevazione statistica

Il Ministero di Giustizia rende nota la rilevazione statistica

Il Ministero di Giustizia rende nota la rilevazione statistica - Mondo Mediazione

.

.

Commento alla circolare tecnica rilasciata dal Ministero lo scorso 15 Novembre

.

.

.

.

.

Articolo tratto da DirittoeGiustizia, visibile direttamente qui.

.

.

.

Il Ministero della Giustizia rende nota la rilevazione statistica … e il CNF sottolinea l’impegno dell’avvocatura

Lo scorso 15 novembre, con una circolare tecnica, il Ministero della Giustizia ha reso nota la rilevazione statistica delle mediazioni civili trattate dagli organismi abilitati ai sensi del d.lgs. n. 28/2010. Intanto, Alpa, nello stesso giorno, ha fatto sapere che «gli Ordini forensi hanno già costituito 122 Organismi di conciliazione e 16 Camere arbitrali». «Un buon risultato» – sottolinea - «con margini di ulteriore miglioramento, pur nelle condizioni di difficoltà nelle quali l’Avvocatura è costretta ad agire».

.

.

.

Lunedì 18 Novembre 2013

.

.

La rilevazione statistica delle mediazioni civili, avviata nel marzo 2011, è riferita a tutte le tipologie di mediazione - obbligatoria, volontaria e demandata dal giudice - e riguarda sia i flussi numerici di procedimenti sia una serie di informazioni descrittive ed economiche quali l’esito del procedimento, la forma giuridica delle parti, la materia, le indennità corrisposte, etc.
Rilevazione ogni 3 mesi. La rilevazione delle mediazioni ha cadenza trimestrale (il «periodo di riferimento» è pertanto uno dei quattro trimestri dell’anno solare: gennaio-marzo, aprile-giugno, luglio-settembre, ottobre-dicembre).
«Tutti gli Organismi di mediazione abilitati presso il Ministero della Giustizia» – si legge nella circolare - «hanno l’obbligo di rispondere alla rilevazione in oggetto». La mancata comunicazione dei movimenti di procedimenti sarà considerato indizio di inattività dell’Organismo che potrebbe condurre alla sospensione, e nei casi più gravi, alla cancellazione dal registro, come previsto dall’art. 10 d.m. n. 180/2010 e ribadito nelle successive circolari ministeriali.
Come avviene la rilevazione? La rilevazione statistica delle mediazioni civili consiste nella compilazione online ovvero nell’invio di file elettronici, di due modelli: «Modello Trimestrale di Rilevazione dei Flussi di Mediazioni»; e la «Scheda per Singolo Procedimento di Mediazione Definito».
Il Modello Trimestrale rileva i flussi - distinti per stato di avanzamento (Pendenti iniziali, Iscritti, Definiti, Pendenti Finali) e per materia del procedimento (Diritti reali, Divisione, Locazione, etc.) - complessivi di procedimenti trattati da ciascun Organismo nel periodo di riferimento.
La Scheda per Singolo Procedimento rileva, invece, informazioni di sintesi relative a ciascun procedimento concluso, indipendentemente dall’esito, nel trimestre di riferimento.
La comunicazione dei dati da parte degli Organismi, ovviamente, deve rispondere a requisiti di veridicità, completezza e imparzialità.
Anche il CNF parla di mediazione … Nella stessa giornata di venerdì 15 novembre anche il CNF ha fatto il punto della situazione in materia di mediazione. Guido Alpa, infatti, in apertura dei lavori della riunione dei presidenti degli Ordini distrettuali, ha affermato che «l’Avvocatura ha già attivato 122 organismi di mediazione e 16 camere arbitrali tramite gli Ordini Forensi. «Questi numeri» – continua - «dimostrano che l’Avvocatura responsabilmente assolve a un ruolo suppletivo per garantire ai cittadini un servizio essenziale dello Stato, oggetto spesso di riforme non ponderate e non condivise con gli operatori».
Il CNF e l’avvocatura non si fermeranno qui. Infatti, verrà potenziata la presenza delle Camere arbitrali.
«Il CNF è a disposizione degli Ordini per coadiuvarli nell’organizzazione di questi organismi», ha ribadito Alpa.
Assicurazione obbligatoria per gli avvocati. Inoltre, nel corso della riunione si è affrontato il tema dell’assicurazione obbligatoria per gli avvocati, prevista dalla legge forense. Sarà necessario verificare la fattibilità delle diverse ipotesi in campo: «polizze collettive oppure convenzioni quadro ad adesione volontaria, con l’obiettivo di garantire condizioni a garanzia dei cittadini e non eccessivamente onerose per gli avvocati». La maggior parte degli interventi, comunque, è stata favorevole alla ipotesi di una polizza collettiva.

.

commenti (3)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione