Home » News ADR » Giustizia Civile in Umbria: una frana

Giustizia Civile in Umbria: una frana

Giustizia Civile in Umbria: una frana - Mondo Mediazione

 

 

Un commento allo studio sull'efficienza dei Tribunali italiani in tema di giustizia civile.

 

 

 

 

 

Articolo tratto da Iltamtam.it, visibile direttamente qui.

 

 

Giustizia civile in Umbria: una frana

di Redazione 2

 

Mercoledì 13 Maggio 2015

 

Uno studio sull'efficienza dei Tribunali italiani in tema di giustizia civile, pubblicato sul sito ministeriale, è impietoso: Spoleto quasi in fondo alla lista dei "cattivi", Perugia e Terni solo un pò meglio ma sempre tra gli ultimi

La durata delle cause civili e la percentuale di cause ultra-triennali giacenti (UT) in primo grado sono state prese in esame nell’ambito dei lavori dell’ «Osservatorio per il monitoraggio degli effetti sull’economia delle riforme della giustizia» presieduto dalla Prof.ssa Paola Severino e sono stati pubblicati nel sito web del Ministero della Giustizia italiano.
Sono stati presi in esame i procedimenti civili pendenti al 31 dicembre 2013; analisi, resa possibile dal nuovo sistema di datawarehouse realizzato dalla Direzione Generale di Statistica del Ministero della Giustizia, si basa sul contenzioso di Tribunale che comprende quasi 2 milioni di pendenti pari al 37,5% del totale nazionale.

In media in Italia i procedimenti civili pendenti sono calati dal 2009 del 15% (quasi 800.000 pratiche) con un tasso di riduzione più marcato per il contenzioso di Tribunale.
Il calo dei pendenti è guidato dalla riduzione della litigiosità ottenuta anche grazie alla mediazione e all’aumento dei costi di avvio dei procedimenti.

Ma esistono quasi 590.000 procedimenti pendenti in Tribunale con anzianità superiore a 3 anni e oltre 70.000 pendenti da più di 8 anni (questa analisi è stata resa nota dal Dipartimento guidato da Mario Barbuto con l’operazione trasparenza voluta dal Ministro Orlando e denominata «Censimento speciale della giustizia civile»)

La performance italiana, in termini di durata media del giudizio di primo grado, misurata da World Bank non è solo lontana da quella dei migliori paesi, ma è anche due volte più lunga della media.

La performance è molto differente da tribunale a tribunale, ma per trovare quella dei tre tribunali umbri  occorre saltare la tabella con gli  elenchi di Tribunali con le migliori performance, che riportiamo nella speranza che sia oggetto di qualche “missione”

# Tribunale UT Durata
  AOSTA 3,7% 320
  ROVERETO 2,9% 327
  CUNEO 4,5% 386
  ASTI 5,3% 390
  BUSTO ARSIZIO 6,7% 403
  VERBANIA 3,7% 420
  TORINO 6,4% 424
  TRIESTE 3,7% 432
  IVREA 8,5% 449
  MARSALA 5,7% 461
  UDINE 6,4% 478
  MONZA 6,7% 480
  LODI 9,0% 507
  LECCO 7,8% 510
# Tribunale UT Durata
  TRENTO 10,3% 450
  FERRARA 10,0% 488
  COMO 14,8% 500
  BOLZANO 14,2% 509
  PORDENONE 10,4% 509
  GENOVA 12,9% 516
  RAVENNA 10,1% 528
  TERMINI IMERESE 17,1% 532
  MANTOVA 15,2% 532
  CHIETI 11,8% 539
  MILANO 14,7% 545
# Tribunale UT Durata
  LANCIANO 4,5% 559
  LANUSEI 8,6% 614

ed anche quella dei Tribunali con performance medie ed occorre giungere alla tabella dei  Tribunali con le performance sotto media su due dimensioni –Durata e UT.

Tra le retrovie, quindi, si trovano:
al decimo posto Terni: UT= 21,1% e durata 798 giorni;
al 54mo posto Perugia con UT=40,9% e durata 1.06 giorni
al 67mo posto, su 75, si trova infine Spoleto con UT 45,6% e durata di 1.384 giorni.

Lo studio di fronte alla prevedibile alzata di scudi da parte degli operatori dei Tribunali “lumaconi” s’è preoccupato anche di sfatare i miti, cioè le giustificazioni che normalmente si portano per giustificare l’inefficienza.
Ed allora evidenziano:
Il tasso di litigiosità italiano è allineato a quello medio europeo, in particolare, assieme a quello francese è il più basso tra i paesi latini.
Tuttavia l’Italia fa registrare tempi medi di risoluzione del contenzioso più alti degli altri Paesi europei, ad esempio -Spagna = 45% dell’Italia;-Francia = 53% dell’Italia.
L’efficienza dei vari Tribunali non ha un legame univoco con le carenze di dotazioni organiche.

Per finire lo studio mette in evidenza il “caso Marsala”, per estenderne la best practice agli altri tribunali italiani.
Come ai vecchi tempi un buon marsala all’uovo può ridare forza ai debilitati, ma in Umbria ce ne vorranno molti litri

commenti (2)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione