Home » News ADR » Continua lo scontro Oua-Cnf sulla conciliazione

Continua lo scontro Oua-Cnf sulla conciliazione

Continua lo scontro Oua-Cnf  sulla conciliazione - Mondo Mediazione
Primo rapporto sull'avvocatura italiana  -  passato, presente e futuro
Estratto dell'articolo tratto da Diritto 24. L'articolo completo è visibile cliccando qui.





Avvocati: per il 94% il futuro è nero. Continua lo scontro Oua - Cnf sulla conciliazione


Francesco Machina Grifeo - a cura di Guida al Diritto

20 Maggio 2011

........

CONTINUA LO SCONTRO SULLA MEDIAZIONE
Una mattinata "densa" per i legali italiani, divisa tra la riflessione e lo scontro sulla mediazione civile. Infatti, sempre nelle stesse ore si è svolta anche l’Assemblea convocata dall’Oua con le rappresentanze degli Ordini e delle Associazioni forensi contro la obbligatorietà della media-conciliazione. Domani, invece, sarà la volta del Cnf e degli Ordini.
L’Oua ribadisce il suo “no” al tavolo Cnf Alfano
Per il presidente Maurizio de Tilla: “Nessuno può chiudere un accordo con il ministero della Giustizia per una media-conciliazione che presenta gravi aspetti di incostituzionalità, è irrispettosa della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e viola i diritti dei cittadini. Questo è un patto inaccettabile contro la volontà dell’avvocatura affermata unanimemente nel Congresso nazionale forense”.

Da qui l’invito dei vertici dell'Organismo unitario al Cnf di rivedere la propria posizione. “Dobbiamo avere - ribadisce il presidente de Tilla - tutti la schiena dritta. Il Ministro Alfano, ha teso una trappola micidiale. Sanare “l’eccesso di delega” con una legge. Mi rivolgo, quindi agli avvocati che sono andati dal Ministro: come fate a non accorgervi di ciò. Non prestate il fianco né assumete un ruolo di sponda della politica ministeriale.”

“Si legge sui giornali - ha concluso de Tilla - che il Cnf sta per chiudere con il ministro Alfano e con il ministero della Giustizia un accordo per conto dell’avvocatura. Ciò non è possibile: il Cnf non ha alcun potere in proposito. La gran totalità degli Ordini e l’intera avvocatura conferiscono tale mandato all’Oua e al Cnf, insieme, sugli stessi obiettivi, in attuazione delle decisioni congressuali. Se qualcuno delle rappresentanze forensi non è d’accordo, l’Oua è pronta a deliberare la convocazione di un Congresso straordinario”.

Alpa, riguadagnare gli spazi persi
Contro il tentativo di marginalizzare l’avvocatura, è intervenuto, questa mattina, alla presentazione del Rapporto sull’avvocatura, il presidente del Cnf Alpa. Solo una battuta sulla mediaconciliazione: “Ieri c’è stata una discussione al Cnf con l’Oua e le associazioni sulla presenza dell’avvocato e anche sul contributo della professione allo smaltimento dell’arretrato, fra le possibilità si è richiamata anche la proposta sulla negoziazione assistita”. Nessuna anticipazione, dunque, rispetto alla riunione convocata per domani sul tema a cui sono invitati tutti i presidenti dei Consigli degli ordini.

..............

 
commenti (0)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione