Home » News ADR » Comunicato stampa CNF

Comunicato stampa CNF

Comunicato stampa CNF - Mondo Mediazione
Comunicato Stampa relativo all'Intervento del Presidente del CNF Guido Alpa al Convegno sulla Mediazione

Comunicato tratto dal sito del
CNF e consultabile direttamente qui.




MEDIAZIONE, ALPA (CNF): “CONTRARI ALLA OBBLIGATORIETÀ. SÌ ALLA DIFESA TECNICA. MIGLIORARE IL TESTO PER GARANTIRE LA DIFESA DEI DIRITTI. IN ATTESA DELLA DECISIONE DELLA CONSULTA SOSPENDERE L’ESECUTIVITÀ DELLA LEGGE”

25/05/2011 - Il presidente del Cnf è intervenuto oggi al convegno organizzato dal ministero della giustizia: “Il Cnf sta studiando altre soluzioni, come la negoziazione partecipata e il contributo dell’avvocatura allo smaltimento dell’arretrato, per rilanciare l’efficienza della giustizia”.


Roma. “Contrari alla obbligatorietà, sì alla difesa tecnica ed ad altri miglioramenti del testo di legge in modo che l’efficienza della giustizia coincida con la piena difesa dei diritti. E in attesa della decisione della Corte Costituzionale, sospendere l’esecutività della legge.”

Questa è la posizione sulla mediazione ribadita oggi dal presidente del Consiglio nazionale forense Guido Alpa nel suo intervento in occasione del convegno Mediazione: efficienza e competitività, organizzato dal ministero della giustizia, durante il quale si sono confrontate tutte le diverse posizioni sulla legge a circa due mesi dalla sua entrata in vigore.

Alpa ha apprezzato quanto il ministro della giustizia aveva fatto sapere in prima mattinata in un comunicato pubblicato sul sito del ministero, nel quale Alfano aveva aperto a “necessarie modifiche all'istituto della mediazione”, tra le quali indicando interventi volti a “ risolvere le criticità emerse in ordine all'individuazione di un criterio di distribuzione territoriale degli affari da mediare, ai profili di indipendenza e imparzialità del mediatore e degli Organismi di Mediazione, oltre all'introduzione dell'assistenza tecnica necessaria degli avvocati nei procedimenti di mediazione, con la possibilità - per quanto riguarda tale assistenza - di accedere al patrocinio a spese dello Stato da parte dei non abbienti. Nel prosieguo del dialogo sarà prioritario, con il contributo determinante degli avvocati, affrontare il problema della riduzione dell'arretrato civile”.

“Il Consiglio già venerdì prossimo studierà altri sistemi per sviluppare l’efficienza del sistema come la negoziazione partecipata, nella quale le parti potranno trovare un accordo davanti all’avvocato che potrà diventare titolo esecutivo, e la partecipazione degli avvocati per affrontare l’arretrato. Il rilancio dell’efficienza del sistema richiede una serie di rimedi come lo stanziamento di risorse adeguate, la semplificazione dei riti e anche nella formulazione dei testi, il completamento dell’organico dei magistrati e del personale amministrativo, il miglioramento dell’organizzazione nei tribunali, lo sviluppo del processo telematico ”, ha fatto presente Alpa. “Certo che l’efficienza della giustizia è un motore economico ma nell’individuare le soluzioni più adatte non bisogna trascurare né l’accesso alla giustizia né la difesa dei diritti. Non riteniamo che l’obbligatorietà risponde a principi costituzionali e crediamo che i mediatori debbano garantire una adeguata preparazione giuridica”.

Claudia Morelli



commenti (0)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione