Home » News ADR » Chiesta apertura istruttoria all'Antitrust su alcuni Ordini degli Avvocati

Chiesta apertura istruttoria all'Antitrust su alcuni Ordini degli Avvocati

Chiesta apertura istruttoria all'Antitrust su alcuni Ordini degli Avvocati - Mondo Mediazione
Notizia tratta dal sito dell'Associazione Nazionale per l'Arbitrato e la Conciliazione.

Articolo tratto dal sito dell'
ANPAR e consultabile direttamente cliccando qui.





MEDIAZIONE CIVILE: CHIESTA L'APERTURA DI UN'ISTRUTTORIA ALL'ANTITRUST SU ALCUNI ORDINI PROVINCIALI DEGLI AVVOCATI
Spett/le  ANTITRUST
DIREZIONE CONTACT CENTER

OGGETTO: Segnalazione n. 85472 - Avvio Istruttoria

Si fa seguito alla telefonata della giornata di ieri per esporre una più dettagliata visione dei fatti  per i quali si è richiesta l'istruttoria  da parte di AGCM.

Visto: 
1. il D.Leg. 28/2010 
2. il D.M. 180/2010
3. la direttiva Direttiva 2008/52/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 maggio 2008 (relativa a determinati aspetti, della mediazione in materia civile e commerciale, già attuata dall’Italia)
PREMESSO
• che con il termine di mediazione, il legislatore ha inteso disciplinare  un percorso attraverso il quale le parti, con l'ausilio di un terzo (il conciliatore), tentano di comporre il conflitto raggiungendo la conciliazione;
• che chiunque può accedere alla mediazione per la conciliazione di una controversia civile e commerciale vertente su diritti disponibili;
• che al procedimento di mediazione si applica il regolamento dell'organismo scelto dalle parti;
• che l'organismo è l'ente pubblico presso il quale può svolgersi il procedimento di mediazione;
• che all'atto del conferimento, l'avvocato è tenuto ad informare l'assistito della possibilità di avvalersi del procedimento di mediazione, delle agevolazioni fiscali per esso previste - per iscritto - detta informativa , in vigore  il 20 marzo 2010;
• che per alcune materie  a partire dal 20/03/2011  "chi intende esercitare in giudizio un'azione relativa a una controversia ,è tenuto preliminarmente a esperire il procedimento di mediazione che è condizione di procedibilità della domanda giudiziale”;
• che i mediatori diventano tali dopo un percorso formativo, asseverato da un responsabile scientifico di chiara fama, mediante formatori iscritti nell'albo  del ministero di Giustizia;
• che per enti di formazione pubblici e privati debbono intendersi  solo enti presso cui si svolge l'attività di formazione dei mediatori;
• che il Ministero, attraverso un Responsabile, controlla sia gli enti di formazione che gli organismi di conciliazione che debbono essere iscritti in un Registro;
• che per accedere  alla qualifica di mediatore è necessario l'iscrizione ad un ordine o albo professionale oppure essere in possesso di laurea anche triennale;
• che la norma consente una volta ottenuta la qualifica di mediatore di svolgere le funzioni di mediatore presso cinque organismi;
• che gli organismi di conciliazione sia pubblici che privati hanno diritti e doveri identici.
CONSIDERATO
che, da un controllo a campione effettuato, alcuni ordini di avvocati hanno inserito la seguente dicitura: .....omissis........"Ciascun mediatore non può svolgere le funzioni di mediatore per altri organismi a pena di cancellazione." .......Omissis........" Il mediatore avvocato non può iscriversi ad altro elenco dei mediatori presso alcun organismo di conciliazione"  oppure del tipo .....Omissis.............. "deve aver partecipato con profitto presso l'ordine degli avvocati o scuola forense o centro studi e di formazione in materia giuridica". Quest'ultima condizione è  di una gravità tale che deve essere ulteriormente  approfondita da parte dell'Autorità, in quanto, a nostro avviso, sono ravvisabili anche eventuali reati penali. Questo perché  l'ordine o la scuola forense, per effettuare corsi per mediatori devono, primo: accreditarsi presso il Ministero; secondo: effettuare detti corsi senza oneri  per gli iscritti. Se si naviga su internet, risultano ordini professionali che svolgono  attività di prestazione di servizi o  corsi come un qualsiasi ente commerciale. Ci risulta ancora che molti enti pubblici  "fanno da mediatori" per l'affidamento a enti  privati accreditati traendo in inganno i propri iscritti che si ritrovano a frequentare corsi convinti di farlo con la scuola o la fondazione o con l'ordine accreditato quando così non è.
SI CHIEDE
alla S.V. Ill.ma, alla luce di quanto sopra esposto, essendo l’A.N.P.A.R. ente portatore di interessi legittimi dei mediatori, che venga  portato a conoscenza l'inizio dell'istruttoria e/o dei procedimenti che si andranno ad adottare.

 
commenti (0)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione