Home » News ADR » Anche l'ISMED all'audizione della Commissione di Giustizia

Anche l'ISMED all'audizione della Commissione di Giustizia

Anche l'ISMED all'audizione della Commissione di Giustizia - Mondo Mediazione

Lo scorso 16 Giugno si è tenuta una seduta della Commissione Giustizia, presieduta dal Senatore Filippo Berselli: all'ordine del giorno le audizioni in materia di Mediazione Civile

Articolo tratto da
Strilli.it, visibile direttamente qui.



Strangio (Ismed) audito dalla Commissione Giustizia del Senato


Venerdì 17 Giugno 2011

Giovedi 16 giugno si è tenuta una seduta della Commissione Giustizia del Senato, presieduta dal Senatore Filippo Berselli, con all’ordine del giorno le audizioni in materia di mediazione civile.

Audito l’Avv. Giuseppe Strangio, direttore di Ismed e Presidente dell’Associazione italiana di mediazione civile, che raccoglie oltre cento organismi di mediazione e di formazione in tutto il Paese. Strangio ha tenuto un lungo intervento sottolineando l’importanza per i cittadini dell’introduzione dell’istituto della mediazione. “Su cento controversie pendenti – ha precisato Strangio – ben settantuno si chiudono con un accordo e quando ciò non accade, traspare una evidente delusione da parte dei cittadini coinvolti, che sanno a quel punto di doversi imbarcare in un processo civile, lungo, costoso e dagli esiti incerti”.

Non siamo contrari ad alcune correzioni del Decreto legislativo istitutivo della mediazione, come quella che tende a garantire maggiormente il ruolo della categoria forense, prevedendo ipotesi di presenza obbligatoria dei legali in mediazione. Come siamo favorevoli alla maggiore formazione per i mediatori. Ciò che, di contro, è ineliminabile è il principio di obbligatorietà della mediazione. Se non fosse obbligatoria, la mediazione in Italia non esiterebbe. Occorre, infatti, il tempo per fare entrare questo nuovo metodo nel senso comune, nella coscienza sociale e nella cultura giuridica nazionale. E’ un istituto che noi importiamo con grande ritardo dal resto dei Paesi europei, dove la mediazione si tiene da decenni e con notevole successo. Le attuali condizioni del nostro sistema processuale civile, d’altronde, sono insostenibili, considerato che vengono introitati ogni anno quasi 5 milioni di cause. Se la mediazione civile obbligatoria non ci fosse, bisognerebbe inventarla”.

 



commenti (0)

Contatti

Contatti - Mondo Mediazione

Chi siamo

Chi siamo - Mondo Mediazione

News

News - Mondo Mediazione

Newsletter

Newsletter - Mondo Mediazione